Gaeta, amianto: un pericolo mortale e silenzioso

Amianto, patologie asbesto-correlate, risarcimenti: sono questi i temi che saranno affrontati

giovedì 15 marzo alle 17, presso la Fondazione Caboto – Palazzo della Cultura, nel convegno organizzato da Amva, Associazione dei Marittimi Vittime di Amianto, che si occupa a livello internazionale di difendere i lavoratori che hanno contratto malattie causate dalla fibra killer.

Le terribili fibre di amianto, rilasciate nell’aria quando l’eternit, materiale che le contiene, si deteriora, continuano a causare vittime non solo tra i marittimi, ma anche tra i cittadini che abitano in prossimità di costruzioni per le quali questo materiale è stato impiegato.

Argomento caldo del convegno sarà anche la necessità di “un monitoraggio capillare per censire le tettoie o altri manufatti che contengono amianto, un incentivo economico alla bonifica, e allo smaltimento in sicurezza per i proprietari, essendo operazioni come sappiamo molto costose. I dati del Registro regionale dei mesoteliomi maligni del Lazio, istituito presso il dipartimento di Epidemiologia del Sistema sanitario regionale, purtroppo parlano chiaro: fino al 2014 sono stati registrati nel Lazio 1042 casi di mesotelioma maligno (70% uomini e 30% donne), prevalentemente nella fascia di età 65-74 anni. E ci sono Comuni in cui il tasso d’incidenza (TI) è ‘particolarmente elevato’, come Campagnano di Roma (TI 6,6), Rignano Flaminio (TI 5,9), Sezze (TI 5,6), Capena e Colleferro (TI 5,5), Pomezia (TI 5,2), Gaeta (TI 5,1), Civitavecchia (TI 4,7), Frascati (TI 4,2). Roma, per fare un paragone, ha un TI di 2.8 tra gli uomini e 1 tra le donne”.

Condividi la notizia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Per valutare meglio la tua situazione, per un’analisi chiara e puntuale delle tue opzioni legali, per una consulenza personalizzata.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.