Marinaio di Pozzallo vittima di amianto ottiene 1 milione di dollari come risarcimento

Ragusa è una città che racconta decine di storie di uomini che vedono nel mare l’unica speranza per un futuro lavorativo, storie di persone che si sono imbarcate lasciando a terra la famiglia, vedendola poche volte all’anno, persone che si sono ammalate perché le navi sulle quali hanno prestato servizio erano rivestite di amianto.Tra queste storie c’è quella di B., nato a Pozzallo, che si imbarca nel 1964 come marinaio.

In mare per 23 anni, 13 dei quali con navi battenti bandiera nazionale e quasi 9 su navi americane, Phillips Petroleum Company, Cosmopolitan Shipping Co. e Ultramar.

Dopo aver scoperto di essere ammalato di mesotelioma, B. fa causa alle compagnie statunitensi. Il giudizio viene incardinato presso la Corte Superiore della California, a Los Angeles, ma B. segue le fasi processuali da casa, per circa 6 mesi, al termine dei quali ottiene un risarcimento di 1.000.000,00 di dollari.

Condividi la notizia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Per valutare meglio la tua situazione, per un’analisi chiara e puntuale delle tue opzioni legali, per una consulenza personalizzata.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.